Il ritorno di Super Mario

Tutti ogni tanto guardiamo indietro nel tempo, spesso con nostalgia di qualcosa o qualcuno. Ad un oggetto, come ad una persona, capita si possano legare emozioni, profumi, istanti o ricordi. Addirittura alcuni di questi oggetti diventano dei veri miti collettivi, solo per il fatto di non essere mai riusciti a possederli o, al contrario, per l’impronta che hanno lasciato nella nostra vita.

Andiamo nello specifico, altrimenti mi direte che il titolo era solo un tentativo di clickbait confezionato ad arte… Oggi vi parlerò di come sia possibile rivivere le emozioni della Sala giochi anni ’80/’90 o delle nostre console preferite, il tutto senza grandissimi sforzi.

Avete mai giocato a Super Mario? Siete riusciti a sconfiggere Bowser?
Avete mai fatto correre Sonic? Quanto belli sono i suoi giri della morte velocissimi?
Avete mai urlato come dopo un goal facendo la combo da quattro linee a Tetris?
Avete mai speso un capitale per scazzottare e battere il vostro migliore amico a Street Fighter?
E Metal Slug? E Mortal Kombat? E i titoli della Konami? Indimenticabili!

Se la risposta ad ogni domanda o solo ad alcune fosse Si!
Tenetevi pronti a premere Start e proseguire nella lettura, sto per suggerirvi una piattaforma con cui tornare a giocare i titoli dei nostri sogni, per di più senza spendere “miliardi” in gettoni, senza code e saltando da un titolo all’altro in pochissimi click.

Per prima cosa dovete procurarvi un un Raspberry Pi o un dispositivo simile, poi, una volta ricevuto il prodotto, dovrete scegliere un sistema operativo adatto allo scopo.
Personalmente ho optato per LAKKA ed il motivo è presto spiegato: interfaccia semplice (sul genere della PS3/PS4) e compatibilità con svariate console ed arcade machine.
Io giusto per aggiungere un ulteriore tocco vintage memore del mio vecchio Nintendo Action Set NES mi sono comprato il case Nespi Case che vi allego in foto:

Infine dovete procuravi le rom dei giochi che, per esempio, potrete scaricare da qui.

Se avrete qualche grattacapo non esitate a cercare qualche tutorial su YouTube, ce ne sono svariati e quasi tutti vi aiuteranno a risolvere eventuali problemi.

Insomma con poche decine di euro e un pizzico di pazienza possiamo tornare a rivivere le emozioni dei nostri titoli preferiti.

E voi? Siete pronti a viaggiare nel tempo e tornare a giocare ai videogiochi che avete sempre amato?

DISCLAIMER: Vi ricordo che la legge sul diritto d’autore prescrive l’obbligo di cancellare le Roms dopo 24 ore dal download. Potrete trattenere le Roms solo se siete in possesso del gioco, o dell’espressa autorizzazione scritta del titolare del diritto allo sfruttamento economico dello stesso. Il rispetto delle regole dettate dalla legge sul diritto d’autore è condizione necessaria per il prelievo delle Roms dell’archivio del nostro sito. Si invitano gli utenti a connettersi al sito http://www.dirittodautore.it , onde poter esaurientemente conoscere il contenuto delle leggi sul diritto d’autore e le sanzioni penali previste in caso di violazione.

Articoli correlati:
Ti ricordi com’era?
“Mi ami, ma quanto mi ami?”
“Ricordi quando c’erano le lire?”
Dead drop USB, ne hai mai incontrata una?
I guerriglieri dei fiori… “Seed Bombs”
10 cose da fare a Pellestrina almeno una volta nella vita…
Conoscete la tecnologia di stampa Zink?

Emily Dickinson, poetessa romantica e tormentata, da scoprire…

Buongiorno Sognatori e Sognatrici, quest’oggi vi voglio proporre una lettura interessante, figlia della riscoperta da parte del sottoscritto di un’autrice tanto particolare quanto talentuosa

Parliamo di Emily Dickinson, autrice americana nata nel 1830 ad Amherst da una famiglia benestante. Ricevette un’educazione assai libera e completa, ma a soli 23 anni scelse di ritirarsi in un isolamento contemplativo, dedicandosi cosi al mantenimento di rapporti perlopiù epistolari col mondo esterno.

Le sue poesie, rimaste ignote in cassetto fino alla sua morte, hanno tutto il fascino di un tormento interiore, sconvolgono con la loro estrema lucidità e i “bordi” affilati come rasoi. Non mancano le allusioni, ma ció che in fondo prevale in ogni opera è un accoratissimo senso emotivo e il sopportare per scelta una solitudine che non rimane confinata nell’anima.

Le poesie di Emily Dickinson – con testo inglese a fronte

La stessa opera in formato Kindle

Tra i suoi componimenti, ad esempio cito il 249:

Notti selvagge – Notti selvagge!
Fossi io con te
notti selvagge sarebbero
la nostra passione.

Inutili – i venti –
a un cuore ormai in porto –
non serve la bussola –
non serve la mappa –

Remare nell’Eden –
Il mare!
Potessi almeno ormeggiare – stanotte –
in te.

Colpisce dunque la schiettezza espressiva, il non ricorrere a fronzoli, il dipingere con parole dirette la realtà circostante ed emotiva che la attraversava.

Scoprite questa autrice e la sua vita, semplificando la cosa inoltre potreste vedere una serie tv incentrata su di lei anche su Apple tv ! Trailer serie tv

La storia dietro ad ogni storia..

Quante volte ci siamo spaventati davanti ad un “tomo” particolarmente robusto?

Alzi la mano chi non ha detestato alcuni dei romanzi che ci costringevano a leggere quando si andava a scuola?

Eppure dietro ad ogni storia, dietro ad ogni pagina (come ad ogni parola del resto, basta vedere la mia ormai storica rubrica settimanale sulle parole particolari), esistono infinite vicende degne di essere scoperte… Concordo con voi, a tutto sicuramente c’è un limite, ma lasciatemi spiegare il perchè di questa introduzione.

Girovagando in una delle mie librerie preferite ho scoperto questo libro, che sto tuttora finendo di leggere, e non potevo non condividerlo con voi!

Schermata 2020-07-30 alle 21.16.47

La copertina del libro di cui vi sto parlando

Potete acquistarlo QUI

Perchè parlo di scoperta? Perchè quest’opera è una ventata d’aria fresca in un universo, quello della letteratura, tante volte trattato alla stregua di uno scaffale impolverato.

Vi farà impazzire scoprire dei piccoli segreti celati dietro i titoli o addirittura dietro la costruzione di intere opere, senza dimenticare la vita degli autori stessa; c’è chi ha costruito la sua fortuna sulle opere e chi ha dissipato ogni bene, aggrappandosi alla propria arte per sopravvivere.

Cenni simpatici o curiosi sulla vita o le particolarità degli autori dunque, ma non solo.

Troverete delle linee temporali con cui contestualizzare autore-opere-fatti storici, comprendendo così al meglio i perchè di alcune scelte.

Insomma una sorta di carta geografico-temporale in cui partire alla scoperta di aneddoti nuovi.

Si parte con un bell’excursus su Dante e la sua Divina Commedia, che in realtà a suo gusto di doveva chiamare solo “Commedia”, l’appellativo “Divina”è stato attribuito solo in seguito in segno di profondo rispetto per l’opera stessa; l’opera si chiude poi con opere moderne, tra le quali impossibile non citare “Harry Potter“.

Insomma si parte dal 1300 e si arriva fino al 2015, il tutto però con uno stile accattivante, qualche mappa grafica utile per sintetizzare trame complesse in un solo colpo d’occhio e soprattutto una infinità di approfondimenti e citazioni, sempre utili per incuriosirsi o rispolverare qualche romanzo.

Apprezzabilissimo infine il fatto che ogni opera trattata venga consigliata o meno ad un determinato tipo di lettore in base alla sua, diciamo, digeribilità, in poche parole sapremo se rimanere solo curiosi o buttarci a capofitto su un nuovo libro.

Questo libro lo consiglio veramente a tutti, infatti può restituirci in termini di contenuti molto di più di quanto avremo pagato per averlo; sarà in grado di offrirci aneddoti e spunti per conversazioni che, a quel punto, non si arenerebbero al fatto che non ci siano più le mezze stagioni…

Buona lettura amici ed amiche, qualunque essa sia!

Komorebi, da oggi li trovi in libreria o in ebook!

komorebi

Cari lettori e care lettrici, sono felice di annunciarvi che finalmente i Komorebi, che tanto amate in queste pagine, sono diventati un libro.

Da oggi infatti potrete ordinarlo presso i migliori store fisici e online di libri, presto anche in formato ebook.

Allego in fondo all’articolo i link dei principali portali in cui trovarlo!

Amazon
Kindle – Ebook
Mondadori
Ubik Libri
Ibs
Libreria Coop
Libraccio.it
Youcanprint Editore

VERSIONE EBOOK: Komorebi Ebook (ma presto anche in altri portali)

Oppure se volete scoprirlo in un contesto naturalistico andatelo a leggere al parco Nuove Gemme a Spinea, è collocato all’interno del progetto delle bibliocabine:
Komorebi, da oggi li puoi trovare a Spinea!

Una menzione speciale all’editore Youcanprint, che con professionalità mi ha guidato alla realizzazione di questa edizione.

Grazie sin d’ora a tutti e mi raccomando, se deciderete di acquistarlo lasciate un bel feedback (:

precedente articolo

Chi si ricorda di Voltron?

Erano i primi anni ’90, quando partiva quella sigla, ma non solo, anche molte altre, la mia attenzione si discostava da qualsiasi cosa, era l’ora dei cartoni animati, l’ora di Voltron, l’ora di guardare Junior Tv.

E’ vero, tra i robot, vi è l’imbarazzo della scelta, ma, come tutti, avevo il mio preferito: Voltron appunto.

43467326021_858934b3bd_c

Grazie a Brickset per l’immagine della versione Lego di Voltron

Tra le curiosità connesse con questo difensore dell’universo “born in the usa” va sicuramente citato il fatto che lui sia “figlio” della fusione di due serie precedentemente realizzate in Giappone: Armored Fleet Dairugger XV e Golion.

L’edizione italiana comprende 52 puntate dapprima trasmesse dai canali Mediaset (Canale 5 esordì infatti con Golion per poi puntare sulla versione americana).

Successivamente fu il turno appunto di Junior Tv di divulgare queste storie fantastiche.

Oggi, a distanza di oltre 35 anni dall’esordio, la leggenda di questo robot continua nei ricordi della generazione ’80 e ’90 e a tal proposito, come potrei non dirlo, recentemente Lego ha tributato un enorme onore ai fan di questa serie, eccolo: Voltron by Lego.

Esistono inoltre altre edizioni per i più affezionati:
Voltron by BANDAI
Voltron by Funko Pop
Voltron by Giochi Preziosi
Voltron – il libro da colorare
Voltron – il libro da colorare 2