Tempo di (per) restare a casa

Sono tempi bui, in cui il conveniente diventa sconveniente, in cui l’opportuno diventa inopportuno. Un costante ossimoro sembra avvolgere il senso del nostro quotidiano.

Eppure tutto si fa semplice, perchè solitamente ogni problema implica una serie di azioni per giungere a soluzione.

Stavolta sarà proprio il non agire a tutelare noi ed il prossimo.

Stiamo a casa, evitiamo il non necessario.

Torneremo presto a godere di paesaggi non filtrati e di gioie condivise.

Io ho la fortuna di condividere questo isolamento con mia moglie, ma ricordiamoci tutti quella telefonata, quel messaggio, quel gesto, che puó cambiare la giornata a chi vivrà l’isolamento in solitudine.

Un abbraccio grande a tutti i lettori e le lettrici.

Edoardo

Una mia foto del 2019 tratta da un mio articolo sull’inquinamento, mai come oggi respirare un’aria sicura rappresenta
un bene per tutti noi.

Inquinamento – una riflessione sul tema

Riflessioni mattutine

Saremo ricordati per ció che ci siamo lasciati alle spalle… speriamo almeno di aver smaltito tutte le tracce del nostro passaggio! #trarealtaesogno #riciclo #ambiente

Komorebi Ebook – finalmente sbarca su PlayLibri

Per chi frequenta questo spazio dagli inizi i “Komorebi” sono già cosa nota, per chi li scoprisse solo ora invece, devo una breve introduzione.

I Komorebi sono brevi poesie figlie della contemplazione del circostante e, talvolta, di quella interiore.

PlayLibri by google

La scelta di questa parola giapponese come titolo, è il frutto della ricerca di un termine che andasse oltre il suo significato intrinseco e dunque valesse più della parola con cui lo si esprime.

Con Komorebi, i giapponesi, indicano la luce del sole che filtra attraverso le fitte foglie degli alberi. Proprio come fanno i nostri pensieri che, valicando la nostra foresta interiore, vengono filtrati fino ad illuminare, secondo la nostra coscienza, il cammino.

I Komorebi altro non sono che brevi componimenti poetici o riflessioni intorno alla vita ed alla natura od anche alle sensazioni ed ai sentimenti. Traggono ispirazione dalla volontà di essere brevi e concisi, talvolta netti nella ritmica, come gli epigrammi di antica memoria.

Questa per me è risultata una sfida affascinante da perseguire, in quanto sin da adolescente sono dedito alla scrittura, particolarmente in forma di poesia, ma mai col vincolo di una sinteticità che rendesse a tratti il messaggio tanto breve quanto intenso.

Una sorta di fugace e repentina via d’uscita dalla realtà che in un lampo si dissolve tra le nostre dita…

Scopri qui l’ebook

Buona lettura amici e grazie per commenti, like e condivisioni.

Edoardo

PS In passato, figlia di una creatività giovanile scrissi anche un breve romanzo, se volete scoprire di più eccovi il link – Devo dirti una cosa…

La parola della settimana… la “B di Baritono”

Lo sentiamo da distante, una voce può essere definita così…

Baritono: sostantivo maschile deriva da una voce dotta greca, barytonos, composta da tònos = tono e barys = grave.

SIGNIFICATO: cantante con voce virile, intermedia tra il tenore ed il basso.

Se questa parola ti è piaciuta, condividila e commenta qui sotto!

Scopri le parole delle settimane precedenti: “La parola della settimana” – archivio