Komorebi, altri 100 pensieri con un pizzico di poesia

Cari Amici e care Amiche,
è con immenso piacere che, proprio in prossimità del Natale, vi annuncio la pubblicazione della seconda raccolta dei miei pensieri “con un pizzico di poesia”.

komorebi, altri 100 pensieri con un pizzico di poesia

Questo cammino è iniziato poco più di due anni fa, con la classica ispirazione che, repentina, mi colse durante una passeggiata in natura; in quel preciso istante associai nella mia mente il significato di una parola giapponese ricchissima di fascino Komorebiappunto e quella di una serie di pensieri da scrivere a ruota libera.

La nuova copertina

Non era poi così scontato che la vena poetica mi avrebbe assistito con tutta questa longevità in questo progetto, ma, fortunatamente, così è stato.

Il sogno nel cassetto oramai non è più la pubblicazione, perchè già il fatto che io ne stia scrivendo, perdipiù per la seconda volta, permette di annoverare tale desiderio tra quelli realizzati.

Il mio sogno consta nel raggiungere i primi 500 (si, cinquecento) componimenti, per poi farne un unico grande volume.

Poco importa la gloria, in fondo la poesia non nasce per arricchire in pecunia, ma nasce con l’auspicio di condividere una ricchezza diversa, eterea, non adatta a tutti i palati e gli animi.

L’intento è, anche solo per un istante, arricchire di emozioni e calore gli animi di chi posa lo sguardo su queste opere, figlie della mia interpretazione della luce che filtra attraverso il bosco della nostra vita.

Vi saluto con una piccola anteprima, ho selezionato due poesie scelte tra le 100 del nuovo libro, spero possano trasmettervi le sensazioni e le emozioni che ho condiviso con voi:

159
Come camminare soli
Con una lanterna ad olio
In una notte di nebbia fitta
Ai margini di calli e campielli
La laguna riverbera
Interrotta nella quiete soltanto
Dalle Luci lontane
di natanti deserti
Nel mio alone giallastro
Sembro una moneta dorata
In un forziere d’argento
Fatto di minute gocce di vapore
Che nascondono tutto
Anche i pensieri talvolta
Mentre immagino le sagome
Di ció che amo per davvero 

162
Respiro sotto la pioggia
Ti offro riparo nel mio sorriso
Ho solo quattro conchiglie
Dentro ad un taschino
Le stringo forte tra le dita
Mi sembra di possedere il mondo
Perché i tuoi occhi
Mi hanno fatto scoprire un senso
Il correre per un motivo
Il dare una direzione precisa
Alla felicità
Sento il tuo profumo
Ogni volta che scompare il sole
Mentre strada si fa percorso
Il caso mi ha bussato
Cancellando il circostante Inondando la mia vita di te
Che come onda sulla sabbia
Hai solcato le sponde del mio cuore 

Vi mando un grande abbraccio, con l’augurio di riscoprire il calore delle emozioni, quelle più belle e profonde, durante le ormai prossime festività.

Edoardo

Link che potreste aver perso:

ARTICOLO DI PRESENTAZIONE DEL PRIMO VOLUME
COSA SIGNIFICA KOMOREBI?
INTERVISTA A ME STESSO

Komorebi, cosa significa?

KOMOREBI: la traduzione letterale è Luce che filtra attraverso le foglie degli alberi. Ho da subito apprezzato questa parola per la sua forza poetica intrinseca, l’ho subito sentita come una parte integrante di ciò che scrivo. Ci sono pensieri poetici che mi colgono d’improvviso come quella luce che arriva a noi solo perché il vento ha scosso un ramo di un albero.

0

“Cosa sono dunque i Komorebi?” si tratta di una serie di pensieri brevi, da leggere in maniera indipendente l’uno dall’altro, pur essendo in un qualche modo collegati tra loro da un fulcro che ha il suo epicentro nel mio vissuto e nel mio immaginario. Le principali sfere emotive coinvolte sono: #Amore, #Riflessione, #Tristezza e #Speranza. Attraverso queste quattro corde noi possiamo generare infinite possibilità, sensazioni, mondi. Esistono tantissime parole che potevano dare un titolo a questa sezione del blog, in particolare modo gli “Epigrammi” del filosofo greco Epicuro, essi avevano sì un carattere di brevità, ma scopo commemorativo. Dunque a seguito di una attenta disamina ho pensato di cercare una cultura che avesse nelle parole in grado di generare immagini e concetti il suo fulcro. Così la mia mente ha volato fino al #Giappone, una cultura affascinante e ricca di parole dall’alto contenuto immaginifico e simbolico. Tra queste proprio “Komorebi”, letteralmente è una parola che indica la luce del sole che filtra attraverso le foglie degli alberi. Di per sé un concetto meraviglioso che comprende tutta la natura ed al contempo miliardi di sfumature, emozioni, sensazioni, colori. Dunque i Komorebi sono quella luce che si fa strada nelle ombre, ma sono anche quelle sfumature esistenziali che ci permettono di dare tridimensionalità a ciò che vediamo e viviamo. Allego a questa presentazione quattro esempi di #Komorebi da me scritti, uno per tipologia, così da incuriosirvi.

Vi invito poi a seguire la loro pubblicazione direttamente qui su TraRealtàeSogno dove mi impegnerò a pubblicarne uno ogni mercoledì e se vorrete fare vostri i primi 100 cliccate QUI


Komorebi – Numero 49 (Amore) 

Non riuscivo a credere
Prima di afferrare la tua mano
A ció che immaginavo
Saremmo stati capaci di fare
Ed ora, un granello alla volta
Come clessidra, ammiriamo
Lo scorrere delle nostre vite
Come sabbia calda tra le mani


Komorebi – Numero 51 (Riflessione)

Cercavo sogni
In galassie di fumo

Smerigliando l’anima
Per far calzare un’utopia
A sagoma di ció
Che ho capito
Di non voler essere
Mai


Komorebi – Numero 4 (Speranza)

natura intorno
Cemento dentro
Esso si crepa, trasuda
Fragranza d’amore


Komorebi – Numero 47 (Tristezza)


Faccio a pezzi il mio dolore
Per vuotare il sacco
Delle angosce incolore
Di una vita nel rancore
Un passo alla volta
Esco dalla caverna
E ammiro arcobaleno
Appena fuori dal mio cuore

“Komorebi, poesie che si leggono tra gli alberi”

Perchè “Komorebi”?

Quando cercavo un nome da dare ai miei brevi componimenti poetici, non immaginavo minimamente di dover viaggiare, mentalmente, fino al Giappone.
Andavo alla ricerca, infatti, di un vocabolo semplice, breve, onomatopeico forse, per rappresentare in maniera ideale emozioni e parole. D’un tratto mi sono imbattuto in un approfondimento su una parola della cultura nipponica, parlava di Komorebi (scoprilo QUI) e da quell’istante la scelta è divenuta ovvia per me.

L’idea che esista, da qualche parte nel mondo, una parola per esprimere il concetto della luce che permea attraverso le foglie degli alberi, mi ha riempito il cuore e da quel giorno la mia raccolta di poesie brevi, ispirate dalla vita e dalla realtà circostante, ha preso forma.

0

Il frame esplicativo del progetto Komorebi

Un breve rimando a questo progetto (consultate archivio per gli altri): Komorebi

E le pubblicazioni connesse a questa serie: Komorebi su Google play books o Komorebi su Kindle o stampato