La parola della settimana… “L di Lady”

Una parola che ci ricorderà un cartone animato… ma andrà ben oltre!

Lady: sostantivo femminile invariabile, dall’antico inglese hlaefdige (=propriamente impastatrice di pane, poi padrona di casa), da hlaf =(pane) e daege (=ragazza).

SIGNIFICATO: titolo nobiliare inglese che indica la moglie o la figlia di un lord inglese; per estensione, signora.

Se questa parola ti è piaciuta, condividila e commenta qui sotto!

Scopri le parole delle settimane precedenti: “La parola della settimana” – archivio

Annunci

La parola della settimana… “I di Iceberg”

Una parola da “brivido”…

Iceberg: sostantivo maschile invariabile, dall’olandese ijs (=ghiaccio) e Berg (=monte).

SIGNIFICATO: blocco di ghiaccio che galleggia nei mari polari.

Se questa parola ti è piaciuta, condividila e commenta qui sotto!

Scopri le parole delle settimane precedenti: “La parola della settimana” – archivio

La parola della settimana… “H di Hinteland”

Una parola che ci evoca spazi urbani di periferia…

Hinterland: sostantivo maschile invariabile, voce tedesca da hinter (=dietro) e Land (=paese).

SIGNIFICATO: fascia di territorio che gravita intorno ad una grande città ed alla sua produttività.

Se questa parola ti è piaciuta, condividila e commenta qui sotto!

Scopri le parole delle settimane precedenti: “La parola della settimana” – archivio

La parola della settimana… “G di Guarire”

Una parola che ci evoca speranza in chi la desidera con tutto il suo cuore…

Guarire: verbo transitivo ed intransitivo dal germanico *warjan (=tenere lontano, difendere).

SIGNIFICATO: come verbo transitivo, dare salute. Come verbo intransitivo, recuperare la salute.

Se questa parola ti è piaciuta, condividila e commenta qui sotto!

Scopri le parole delle settimane precedenti: “La parola della settimana” – archivio

La parola della settimana… “F di Focaccia”

Una parola che ci evoca sfiziosi antipasti e molto appetito… andiamo alla scoperta dell’origine della parola…

Focaccia: sostantivo femminile, dal latino volgare focacja, dal classico focacius, da focus nel senso di focolare e quindi, secondo Isidoro, cotto al focolare.

SIGNIFICATO: pane schiacciato e cotto al forno o sotto la brace.

Se questa parola ti è piaciuta, condividila e commenta qui sotto!

Scopri le parole delle settimane precedenti: “La parola della settimana” – archivio