Lago di Braies – lo specchio (d’acqua) del paradiso

Il lago di Braies è uno specchio d’acqua situato in provincia di Bolzano ad una altitudine di poco inferiore ai 1500m. Le origini di questo spettacolare angolo di natura sono ricondotte allo sbarramento, da parte di una frana,  del Rio Braies.
La particolare collocazione di questo lago lo rendono una vera gemma incastonata nelle catene dolomitiche circostanti.
Potrete passeggiare intorno a buona parte dei 3 chilometri di perimetro e sorseggiare o assaporare qualcosa presso il Ristorante de il Lago di Braies Hotel & Ristorante. In alternativa in bella stagione troverete qualche panchina con tavolo per un gustoso picnic._mg_3690 copia

 

Raggiungerlo non è difficile, ma bisogna armarsi di pazienza e godere del paesaggio, infatti, da qualsiasi direzione proveniate, potrete ammirare le meraviglie naturali di questo territorio.

A pochi passi dallo specchio d’acqua vi è un parcheggio a pagamento, valutate bene in alta stagione la fascia oraria di arrivo perché questa è una meta assai gettonata.

Lago di Braies – da google maps

Dunque, preparate gli zaini e delle scarpe comode! Lo specchio (d’acqua) del paradiso vi aspetta!

Annunci

Venezia – quattro passi ed un timelapse…

Un video basato su di un timelapse di fotografie nella città più bella del mondo.
La telecamera AS200V della Sony ha percorso con me le calli ed i campielli della famosa città lagunare.

–> Venezia, quattro passi ed un timelapse <– clicca qui per vedere il video!

Buona visione a tutti!
Se vi piace, condividete!

Visitate la mia pagina FB: http://www.facebook.com/edoscarpa.fotografia/
Twitter: http://www.twitter.com/trarealtaesogno
Instagram: http://www.instagram.com/trarealtaeasogno/

La musica di sottofondo al video è di Benjamin TISSOT (also known as Bensound) che presta le sue opere per l’utilizzo senza scopo di lucro. Scoprite di più su “www.bensound.com” un progetto: “Royalty Free Music from Bensound”

Il guardiano del faro

Il guardiano del faro
uomo solo e abbandonato
a sè; a cui nulla è più caro
e che tutto del suo passato ha dimenticato.

Vecchio e stanco
scruta il mare
rumoroso e bianco
che le nuvole stanno a guardare.

Già le nuvole
che vedono questo cielo in Terra
che vorrebbero coprire, invano.

Così il vecchio non si fa coprire
dalle nubi della solitudine che lo circondano.

 

La prima poesia, non si scorda mai… 1997.